Cagliari - Via Roma n.72 - tel.070.650379, fax. 070.2337182, email: css.sindacatosardo@tiscali.it


 

C.S.S.

STRUTTURE

CENTRI ATTIVITA'
CONTATTI

FEDERAZIONI

DISOCCUPATI/CSS

ENTI LOCALI/CSS

Regionali SIAD/CSS

FAILP/CSS/PT

F.L.S./CSS

F.T.S./CSS

PENSIONATI/CSS

SANITA'/CSS

SCUOLA/CSS

Ambulanti/CSS

UNIVERSITA'/CSS

U.T.S./CSS

UFFICIO STUDI G.M. ANGIOY

ISCRIVITI ALLA CSS

SERVIZI

ASSISTENZA FISCALE
CENTRO RACCOLTA
CAF/CSS

ASSOTZIU CONSUMADORIS SARDIGNA

I GRANDI TEMI

LAVORO E OCCUPAZIONE

LINGUA SARDA

ECONOMIA

RIFORME
STATUTARIE

BLOG

REGISTRATI AL SITO

RIVISTA TEMPUS

LINKS


ERSU REGIONALI
Affiliato CSS





A tutti i colleghi

A nome mio e di tutto il Direttivo voglio ringraziarvi per il successo ottenuto dalla nostra Organizzazione in occasione delle elezioni delle RSU dello scorso mese di novembre 2015.

Presentandoci come nuovo soggetto, pur nella scarsita’ dei mezzi a nostra disposizione,  abbiamo avuto circa 343 voti, numero sufficiente al raggiungimento dell’obiettivo che ci eravamo prefissati che era quello di avere la rappresentatività a livello regionale e conseguentemente prendere parte alle trattative con il CORAN per affrontare, in primis il rinnovo contrattuale ormai da troppo tempo fermo e tutte le vertenze aperte nelle varie Direzioni Generali,

Inoltre metteremo 4 rappresentanti nella RSU della  Regione, 1 del Corpo Forestale, 1  di  Laore e 1 dell’Ersu di Cagliari.

Seguiranno nuovi aggiornamenti e ringraziandovi ancora, vi invio i più cordiali saluti.

IL SEGRETARIO GENERALE

Alvando Melis.

 





DICEMBRE 2015

Il buon lavoro dà sempre buoni frutti!

 

La CSS ha affiliato qualche mese fa il Si.AD, il nuovo Sindacato dei Dipendenti del Comparto Contrattuale della Regione Sardegna Enti Strumentali ed Agenzie.

Al primo esordio in una competizione elettorale importante come quella per il rinnovo delle RSU nelle varie Direzioni Generali, il SIAD si è conquistato la fiducia di centinaia di lavoratori iscritti e simpatizzanti.

Infatti ha avuto quasi 350 voti, dato sufficiente per acquisire la Rappresentatività nel Comparto e, quindi, sedere al tavolo delle contrattazioni col CoRAN, (Comitato per la RAppresentanza Negoziale del Governo Regionale e sia nei tavoli per la Contrattazione Integrativa o di secondo livello.

Ha "piazzato" inoltre 7 componenti nelle RSU cosi divisi: 4 presso gli Assessorati, 1 presso l'ERSU di Cagliari, 1 al Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale e uno a Laore.

Primi obiettivi dichiarati dal Segretario Generale Alvando Melis, dai dirigenti tutti e dai componenti le RSU, sono quelli di avviare la vertenza per il rinnovo del Contratto Collettivo Regionale scaduto nel 2009 e di ri-attivare le vertenze presso le direzioni generali degli Enti e delle Agenzie.

 

BUON LAVORO A TUTTI NOI!!.

Francesco Puddu, RSU della CSS -SIAD dell'ERSU di Cagliari









Cagliari, 24 giugno 2015

Al  Direttore Generale

Dott.ssa Michela Mancuso

Oggetto: CHIUSURA UFFICI PER ASSENZA ACQUA NELLA SEDE AMMINISTRATIVA.

 

In riferimento all’avviso della Direzione Generale con il quale si disponeva la chiusura degli uffici amministrativi nel pomeriggio del 25 giugno,  prevedendo il recupero delle ore di lavoro non prestate a causa del protrarsi della mancanza di acqua nel pomeriggio,  la scrivente Organizzazione Sindacale ritiene  doveroso e imprescindibile rilevare, come in altre situazioni emergenziali, il notevole grado di improvvisazione con la quale si dispongono le misure sia in materia di sicurezza e salubrità e sia in ordine alla gestione del personale.

Riferendosi all’emergenza di martedì 23, la totale impossibilità di usufruire dei servizi igienici per primarie necessità fisiologiche, per svariate ore e per qualsivoglia causa la abbia determinata,  avrebbe dovuto indurre l’Amministrazione, primariamente alla tempestiva informazione  al Personale del verificarsi della emergenza, secondariamente alla informazione dei Responsabili della Sicurezza come previsto dal DLGS 81/2008 e del Medico Competente e, quindi,  provvedere alla chiusura immediata degli Uffici per causa di forza maggiore occorsa al Datore di Lavoro  con annessa probabile carenza di misure organizzative e produttive del medesimo. Appare, infatti,  impossibile che nel volgere  di poche ore si sia esaurita tutta la capacità dei serbatoi, che conta qualche decina di migliaia di litri.

Pur nelle evidenti difficoltà e disagio, alcuni colleghi invece hanno protratto la permanenza negli uffici fino al completamento delle sei ore previste per  la mattinata.

Per quanto attiene al mancato rientro,  sarebbe pertanto apparso legittimo nonché opportuno prevedere il ricorso ai permessi straordinari, non soggetti a recupero per gravi motivi giustificati e documentati, come previsto da normative e contratti in vigore.

Si coglie inoltre  l’occasione per chiedere la ripetizione delle analisi di laboratorio sull’acqua che circola e che viene erogata nelle condotte della sede amministrativa,  che alimentano svariati piani,  molti dei quali non “abitati”,  determinando un mancato prelievo e quindi la possibilità di contaminazione da legionella o da altri batteri, come recenti fatti hanno insegnato.

Confidando nel positivo riscontro, si inviano cortesi saluti,

Inviata il 24 giugno via Protocollo Generale N. 9602






Home Page
| Home Page |

| Confederazione sindacale sarda | Ufficio Studi G.M. Angioy | Strutture nel territorio |
| Federazioni di categoria | Centri attività | Servizi | Documenti |
| Album Fotografico | Rivista Tempus | Links | Scrivici |